Studio Psicologo Bologna

Gli interventi di sostegno psicologico possono essere svolti sia da psicologi che da psicoterapeuti, e la tecnica base è quella del colloquio verbale individuale. Con il sostegno psicologico offerto dallo Studio  Emilio Gerboni, i tempi variano in base agli obiettivi, al tipo di situazione, alla persona e alle sue risorse, alla motivazione del paziente a uscire dalla crisi, e alla rete di sostegno sociale presente nella vita del paziente. Bisogna segnalare che molte volte il sostegno psicologico si trasforma, strada facendo, in vera psicoterapia, in quanto ad esempio si scoprono nodi tematici di fondo che il paziente si trova a voler indagare e pronto a conoscere. In tal caso terapeuta e paziente ridefiniscono l’accordo di lavoro, i tempi, la frequenza degli incontri. Con lo Studio  i problemi vivi del paziente trovano una risposta, sulla strada del sostegno psicologico o della psicoterapia: mettiti in contatto con il nostro studio per scoprire una via di ascolto sicura e preparata, che sappia aiutarti a superare le difficoltà psicologiche con un percorso studiato sulle tue esigenze. Prova subito il servizio di psicoterapia e di sostegno psicologico di Studio . Presso lo studio di Emilio Gerboni potrai trovare la risposta alle tue esigenze. Il sostegno psicologico aiuta ad affrontare problemi più circoscritti rispetto alla psicoterapia, agendo principalmente sui sistemi di difesa che il paziente adotta spontaneamente per proteggersi da maggiori sofferenze, e che al momento della richiesta del sostegno non funzionano più come prima, lasciando la persona vulnerabile alle sollecitazioni stressanti. È indicata per chi non riesce al momento ad attivare capacità introspettive, con l’obiettivo di iniziare un percorso guidato con uno specialista che indichi la giusta direzione: essa, infatti, si mantiene ad un livello di stretta collaborazione tra specialista e paziente, fornendo un grande aiuto alle persone sui grava un senso generale di sofferenza. E’ altresì indicata per affrontare situazioni contingenti, quali un lutto, una separazione, interventi medici o malattie proprie o di altri, una adozione (per i genitori adottivi e per il figlio adottato), problemi di lavoro (mobbing, licenziamento), stalking, cambiamenti fisiologici della vita (matrimonio, nascita e crescita dei figli, allontanamento dei figli grandi, trasloco, menopausa, invecchiamento, perdita della capacità generativa), e altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *